press_kit_digitale_jacopo_coccia

Il Press Kit Digitale: perché un musicista emergente non può farne a meno

photo credit: kevin dooley via photopin cc

 

Promuoversi e rendersi visibili, in un mercato stratificato come quello musicale, diventa giorno per giorno più difficile. Pensare alle major, con le loro obsolete strategie di marketing e distribuzione, è un sogno condivisibile. Ma tecnicamente anacronistico.

Mi spiego meglio: lottare spasmodicamente per un riconoscimento “ufficioso” di un’etichetta è quanto di più lontano dalle nuove tecniche di promozione che il web ha definito negli ultimi anni.

Oggi trasmettere al pubblico il proprio talento musicale significa lavorare alla definizione di una fanbase reale e virtuale. Con la sola differenza che quest’ultima può raggiungere dimensioni geografiche senza confini!

E’ in considerazione di tutto questo che il Press Kit Digitale (anche denominato EPK, Electronic Press Kit) assume un ruolo prezioso, unico e strategico.

 

6 elementi chiave per promuovere la tua musica

E’ necessario essere diretti, determinati e coltivare quel fondamentale understatement che ti eviterà l’effetto “fenomeno del quartiere”: gli amici mi fanno tanti complimenti, ma l’impatto con il vero pubblico lo immagino solo lontanamente…

Ma allora cosa deve presentare un PKD che colpisca nel segno? Semplice, rispettare questi 6 elementi fondamentali:

 

#1 La Lettera di Presentazione

Inserita nel corpo della mail, deve vantare uno stile chiaro, in prima persona.
Massimo tre paragrafi, che spieghino senza giri di parole il valore aggiunto della tua musica per il locale/realtà che stai contattando.

Niente tecnicismi o condizionali di sorta (vorrei, saprei…), solo l’intenzione esplicita di creare un contatto tra due professionisti del settore, senza perdere di vista il focus della conversazione: ottenere un reciproco vantaggio artistico e commerciale.

Ricordati di personalizzare almeno parte della comunicazione; le email standard semplificano la vita e riducono i tempi ma, credici o no, raramente intercettano l’obiettivo.

 

#2 La selezione fotografica

Foto di qualità. Artistiche, in bianco e nero o colori, prive di difetti e nell’ordine dei 5-7 scatti. Tutte nominate con attenzione e possibilmente con un watermark del tuo logo.

Le dimensioni dei sono importanti, quindi comprimile con programmi di editing grafico; perché nessuno vuole ritrovarsi la casella di posta intasata, figuriamoci da un contatto ancora sconosciuto.

 

#3 La doppia Biografia

Consiglio 2 file (in formato Pdf) distinti: una biografia più narrativa, completa e con qualche foto ben impaginata per un uso più promozionale. Un file più succinto, diretto e schematico che sia una sorta di elevator pitch per il destinatario dell’email: massimo due pagine che riassumano esperienze, premi e riconoscimenti ottenuti fino ad ora.

Sulla biografia completa non dimenticare i link ai 5-7 brani con cui intendi presentarvi: inserisci una lista puntata con ogni brano connesso alla versione streaming online, quindi scordatevi di inviare file in formato mp3… Inutile poi aggiungere che, se possiedi videoclip o backstage delle tue esibizioni, il discorso resta il medesimo (ricorri a servizi come Youtube, Vimeo, Dailymotion et similia).

Dimenticavo: imprescindibili i tuoi contatti diretti su entrambi i documenti (sito, email, skype, social).

Bere Gratis live performance

 

#4 L’E-Cover

Sembrerà risibile, ma allegare le copertine in formato digitale dei tuoi album ha un piacevole riscontro. Come fossero CD fisici con classico case trasparente, danno il giusto “calore” alla tua comunicazione.

 

#5 La Rassegna Stampa

Una raccolta selezionata di articoli di ogni tipo riguardanti la tua attività artistica: siti web, mariale cartaceo scansionato, premi o iniziative benefiche. Tutto deve dimostrare, in totale coerenza, professionalità e determinazione.

PS. Assicurati di citare sempre data e fonte di ogni singola notizia.

 

#6 Il Rider Tecnico

E’ un documento che riassume una serie di informazioni dettagliate sull’esibizione live che intendi proporre: brevi info artistiche, line-up, info booking, note generali e soprattutto linee tecniche legate al posizionamente palco/pedane, specifiche audio e luci, channel list.

Tutto solitamente corredato da un essenziale grafico esplicativo (stage plot).

 

Siti web e strumenti utili

Una raccolta di tool per la realizzazione del tuo personale PKD:

 

Come avrai capito, per un musicista emergente fare musica e promuovere i propri lavori è diventato un lavoro sinergico (oltre che impegnativo, ok).

Pensi che il panorama musicale Italiano stia diventando più sensibile a questa rivoluzione di marketing? E le etichette, piccole e grandi, si innoveranno di conseguenza?

Shares