Scrivere per il web: best practice e strumenti utili | Jacopococcia.com
web-writing-tips-jacopococcia

Scrivere per il Web: best practice e strumenti utili

Scrivere articoli interessanti e generare contenuti di qualità è diventato, grazie soprattutto a Google, un obiettivo fondamentale per chiunque intenda promuoversi efficacemente sul web.

Procrastinare poi le idee rende tutto più catastrofico e indirizza il blog verso il tanto deprecabile, triste ed odiato abbandono: errore deletereo sia per te (che cadi nell’impasse creativa) che per il visitatore, sconcertato di fronte alla data dell’ultimo post pubblicato!

Ci vengono in soccorso tecnologie che, per quanto fredde e impersonali, possono affiancare il processo di creazione, progettazione e sviluppo del nostro post vincente!

L’idea giusta, mai lasciarla sfuggire

L’illuminazione o l’intuizione del tema giusto, su cui sviluppare una riflessione critica, avviene sempre quando meno te l’aspetti. Io per esempio percepisco quello “sprint” mentale la mattina, magari dopo una corsa all’aria aperta o mentre leggo un post strambo su Facebook, mentre sorseggio caffè.
Ma l’idea, come immaginerai, sfugge repentina e catturarla il prima possibile è davvero tutto.

Io consiglio 3 semplici strumenti per congelarla senza complicazioni:

  • POCKET: app, tool online ed estensione per browser che ti permetterà di “metterti in tasca” il contenuto che stai visulizzando davanti ai tuoi occhi.
  • EVERNOTE: praticamente il moleskine del web writer. Disponibile per smarphone, online e come estensione browser. Ottima anche per disegni e appunti vocali.
  • GNOTES: molto simile a Evernote ma più semplice e veloce. Permette anche di sincronizzarsi con il tuo account Gmail ed avere le note direttamente nella posta!

Se invece sei a corto di idee, ti consiglio di dare un’occhiata a Google Trend o aggregatori di news “calde” come Ziczac, Fai.informazione o Liquida. Altrimenti ricorri a servizi bizzarri come Content Idea Generator (ma francamente mi sembra una zingarata…).

Seguire uno schema progettuale

le-parole-sono-importanti-jacopococciaUn volta recuperata a mente fredda l’idea, è necessario darsi le tempistiche giuste da dedicare alla preparazione dell’articolo. Recupera allora il contenuto precedentemente salvato e comincia a monitore sul web i risultati di ricerca collegati (direttamente o indirettamente) all’idea, raccogli le informazioni e sistemale con attenzione sul tuo programma di scrittura.

Comincia quindi a suddividere il contenuto in sottosezioni tematiche, coerenti e autoconclusive corredate da un titolo specifico che le presenti. Ragiona senza fretta su titoli che siano impattanti, espliciti e diretti.

Se ti va, inizia a raccogliere immagini associabili all’articolo, magari utilizzando ottimi strumenti online come Photo Pin o Public Domain Pictures.

A questo punto, tocca davvero a te! Comincia a sviluppare le sezioni che hai impostato e cerca di essere diretto, attento e piacevole alla lettura. Aiutati con Sinonimi – Contrari quando occorre e tieni sempre Wikipedia aperto per qualsiasi verifica contenutistica. Ricordati: revisioni e correzioni falle solo a testo completato, altrimenti vai fuori di testa (non scherzo).

E’ davvero così semplice?

Ovviamente no. Ma il messaggio di fondo è quello di ottimizzare i processi temporali che caratterizzano le principali fasi della scrittura web.
Sedersi davanti ad uno schermo luminoso, in attesa di suggerimenti che non arriveranno mai, è la peggiore delle scelte da fare, oltre a dimostrarsi una soluzione alquanto improduttiva.

Tu come procedi durante la scrittura di un articolo sul tuo blog? Conosci formule magiche o tool interessanti per scrivere in maniera più efficace?

 

Sex Cam Cam Sex Live
Shares