Web Marketing

Miniguida: I 7 principali operatori di ricerca su Google

2 Mins read
operatori_booleani_google

Effettuare una ricerca su Google è un operazione semplice e fatta quotidianamente da milioni di persone. Basta inserire la parola o la frase da cercare nell’apposito riquadro e cliccare invio. Ma se volessimo affinare la nostra ricerca, quali operatori la potrebbero rendere ancora più facile? Vediamo insieme i consigli di Karina Colodny.

 

Uso dell’operatore “define:” per ricercare definizioni

Se volessimo cercare su Google la definizione della parola “Marketing”, basterebbe digitare nell’apposito spazio define: Marketing ed ecco apparire in cima alle SERP un riquadro contenente la definizione del termine ricercato. Questa operazione è molto utile per visualizzare immediatamente la definizione cercata.

operatore_define_google

 

Usare le virgolette trovare una citazione

Includendo la citazione ricercata fra virgolette, ecco apparire informazioni riguardo la sua origine. Questa operazione permette di sfoltire i risultati non pertinenti poiché la ricerca restituisce solo i risultati che includono la frase esatta. Non vi è mai capitato di dover cercare una canzone volendo partire dal ritornello ben fissato nella vostra mente?

 

Uso dell’operatore “site:” per limitare la ricerca di un contenuto a un solo sito

Navigando avete trovato un articolo interessante, adesso lo vorreste rileggere ma ricordate soltanto la tematica e il sito in cui si trovava. Quale migliore operatore di “site:”? Digitando la parola ricercata seguita dall’operatore “site:” e a dal sito o dominio in cui si trova, visualizzerete soltanto i risultati relativi a quel sito o a quel dominio specifico.

operatore_site_google

 

Uso dell’operatore “filetype:” per ricercare specifici formati di documento

State cercando il PDF degli atti di un convegno ma non sapete da dove cominciare? Antecedendo all’operatore “filetype:” il nome del convegno e indicando dopo l’operatore l’estensione ricercata, ecco fra le SERP, un ridotto campo di ricerca dal quale partire per cercare il file.

 

Uso del carattere “-“ (simbolo meno) per escludere alcuni risultati della ricerca

Più precisamente, chi utilizza questo operatore vuole escludere dalla propria ricerca tutti i risultati che includono questo termine. Questa soluzione è particolarmente utile per i termini con più significati, ad esempio il fiorino inteso come tipo di automobile e il fiorino inteso come moneta.

operatore_meno_google

 

Uso del carattere “..” (due puntini di sospensione fra due valori numerici) per la ricerca di prodotti entro un determinato valore numerico

Separando i numeri con l’operatore “..” (due punti senza spazi) è molto utile per visualizzare risultati contenenti i numeri compresi in un determinato intervallo di valori come date, prezzi e misure.

 

Uso dell’operatore “link:” per trovare tutte le pagine che si collegano al link che indichiamo

L’operatore “link” consente di trovare pagine che rimandano a una pagina specifica. Ad esempio, digitando “link:jacopococcia.com” puoi trovare tutte le pagine che rimandano a Jacopococcia.com.

 

Conoscere gli operatori di Google permette a chi effettua ricerche con Google di ottenere risultati più pertinenti ed è una valida alternativa alla ricerca avanzata che lo stesso motore di ricerca propone.

Quali sono gli operatori più utili nelle tue ricerche?

 

 

Ti é piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle per votare!

Voto medio 0 / 5. Totale voti: 0

Nessun parere. Inserisci Tu il primo voto!

Articoli correlati
Web Marketing

3 cose da sapere sulle estensioni immagine (Ad Image Extensions) degli annunci di Google

Quando l’anno scorso le Ad Image Extensions di Google Ads hanno cominciato ad essere diffuse (e quindi disponibili a per tutti gli…
Web Marketing

Marketing e Segmentazione Demografica: cos'è e come si può usare

“Cosa vogliono i miei clienti?”   È una domanda che tutte le aziende si fanno. Sebbene le esigenze dei clienti siano in…
Web Marketing

Perchè l’arrivo di iOS 15 ucciderà i tassi di apertura delle tue e-mail

Immagina questo scenario: le campagne di email marketing della tua azienda hanno un tasso medio di apertura di circa il 15%. Poi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Tweet
Share
Share
Pin