web analytics
social network

Le infinite potenzialità di Pinterest: la sovranità dell’immagine

2 Mins read
pinterest-la-sovranità-delle-immagini

Pinterest non era un successo annunciato.

Social network incentrati su incontri, condivisione di conoscenze, meccanismi di domanda-risposta, ambiti professionali comuni e chiacchiere da bar ce n’erano a centinaia. Puntare dritti al valore evocativo dell’immagine di qualità era nel 2010, anno di nascita di Pinterest, una scelta affatto scontata.

Incentrare un business sul piacere arcaico di visionare (e condividere) immagini di qualità rappresentò una rivoluzione copernicana nel mondo del web: dove da un lato di osannava l’esplosione della comunicazione diretta ed immediata tra singoli, il social network  Sharp,  Silbermann e Sciarra sceglie invece l’azzeramento sensoriale al piacere più basico e universale per antonomasia: l’immagine di qualità (attenzione, non meramente artistica ma DI QUALITA’).

 

La storia di Pinterest

Pinterest è un social network fondato nel 2010 da Evan Sharp, Ben Silbermann e Paul Sciarra dedicato alla condivisione di fotografie, video ed immagini. Pinterest permette agli utenti di creare bacheche per gestire la raccolta di immagini in base a temi predefiniti o da loro generati. Il nome deriva infatti dall’unione delle parole inglesi pin (appendere) e interest (interesse).

Gli utenti sono passati da 1,2 milioni ad agosto 2011 ad oltre 4 milioni a novembre 2011, che sono poi diventati 11 milioni a gennaio 2012. Ora Pinterest è tra i 100 siti web più visitati al mondo, al trentanovesimo posto nell’Alexa Rank.

 

Condividere il piacere degli occhi

Sminuire il fenomeno al target femminile (l’80% degli utenti attivi di Pinterest) ed ai repin virali di fashion brand e stilisti affermati mistifica maldestramente il suo meccanismo.

Pinterest muta la propria fortuna in infiniti rivoli creativi: io, per esempio, amo il web marketing e la cultura del retrogaming (i giochi arcade da bar anni ’80 e ’90). Beh, non potete immaginare quanti utenti mondiali apprezzino i medesimi campi di interesse, con le variabili più originali del caso: chi “pinna” i cabinati più originali del periodo, chi le cover dei videogiochi più insolite, chi le pubblicità più orginali pubblicate sulle riviste del settore…

Insomma, la natura camaleontica ed il potenziale inarrestabile delle immagini più originali (spesso introvabili) fanno di Pinterest un’esperienza web riassumibile in 3 punti di forza:

  • Immediatezza ed usabilità
  • Valore ludico/empatico dell’esperienza di condivisione immagini e pinboard
  • Molteplicità funzionale del servizio

 

Ovviamente, è soprattutto sul secondo e terzo punto che le divisioni marketing dei grandi brand hanno indirizzato il loro interesse.

Tu cosa pensi di Pinterest? Che utilizzo specifico fai delle pinboard?

 

Ti é piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle per votare!

Voto medio 4 / 5. Totale voti: 15

Nessun parere. Inserisci Tu il primo voto!

Jacopo Coccia
46 posts

Su di me
Digital Marketer, Advertising Specialist ed Affiliate Marketer da circa 20 anni, con la passione profonda per la corsa, la cultura pop anni '80 ed il glorioso cinema di genere italiano. Perennemente convinto che il Web rappresenti un'opportunità incredibile, purché se ne conoscano le regole.
Articles
Articoli correlati
toolsocial network

OFFEO: il miglior strumento creativo per un Social Media Manager

   Cosa è Offeo? Offeo è una piattaforma online per la creazione di contenuti audiovisivi animati, ad esempio brevi video e annunci…
social network

Instagram: come e perchè individuare i tuoi principali Competitors

  Ti stai chiedendo come operano i tuoi principali competiro su Instagram? Sei alla ricerca di uno strumento a livello aziendale per…
social network

Vivere e morire di Social Media: automatizzare tutto?

Ammettiamolo senza pudore: i social network si moltiplicano anno dopo anno. Se prima era una questione tra big come Facebook e Twitter, adesso…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tweet
Share
Share
Pin