Il Bi e il Ba del Web Marketing | Jacopococcia.com
BeFunky_il-bi-e-il-ba-del-web-marketing-jacopococcia.jpg

Il Bi e il Ba del Web Marketing

Nel divertentissimo film diretto nel 1985 dal geniale Maurizio Nichetti, il protagonista Antonio Scannapieco (Nino Frassica) ricorreva continuamente ad un’espressione stralunata per illustrare ad amici e conoscenti i punti elementari dell’argomento trattato: in altre parole “il Bi e il Ba” di cui si sta discutendo! Un simpatico gioco di parole che riporta alla mente i famosi bignami del nostro passato scolastico, compendi tascabili che riuscivano (quasi) sempre a restituire una sintesi efficace degli elementi principali di uno specifico argomento. Se applicassimo questa simpatica procedura ad un’attività come il web marketing, azzardo che i fattori in evidenza sarebbero:

1. Comunicare secondo le regole

Dove le regole non sono esclusivamente quelle grammaticali e logiche, ma soprattutto strutturali. La scrittura web necessita di spefiche regole: un po’ vincolate al medium su cui vengono letti contenuti (monitor, tablet, smartphone), un po’ vittime di quella soglia attentiva scesa progressivamente dai pochi minuti del recente passato all’attuale manciata di secondi. Non di marginale anche l’ordine dei contenuti, che deve risponde alla regola giornalistica della piramide rovesciata: prima i contenuti principali, successivamente i secondari e i dettagli.

2. Ascoltare attivamente

Fare attenzione al cliente (o semplice commentatore) non significa solo ringraziare o condividere il pensiero espresso. Piuttosto è importante comprendere la necessità espressa, o meno, dal contatto: Cosa cercava il visitatore? Ha trovato ciò che voleva? E’ soddisfatto? Perchè? C’è sempre da imparare e, te lo posso garantire, il cliente comprende sempre se gli viene dato davvero ascolto!

3. Vantaggi, non caratteristiche

Più che un consiglio, una filosofia web: basta lavorare con liste chilometriche con dettagli tecnici sul prodotto, infarcite di abbreviazioni e sigle incomprensibili ai più. Parla di vantaggi, di efficacia all’interno du situazioni tangibili, reali. Evoca il beneficio effettivo dei tuoi prodotti.

4. Spingere all’azione, ovvero incuriosire

Nel proprio blog, sui propri canali social e persino all’interno di forum o community dedicate è necessario coinvolgere l’interlocutore a “muoversi”. La rete è interattività allo stato pure e saper spingere l’utente all’azione, senza apparenti forzature, è un fattore inestimabile nel processo di comunicazione della tua attività.

5. Ottimizzare l’ottimizzabile!

Qui si entra un po’ nel tecnico, perchè parliamo di un lavoro che tocca la scrittura, il codice interno del sito (tag, immagini, tempi di caricamento del sito, formattazione) e l’attento lavoro sui fattori off-page come il link building, il link baiting e la promozione tramite keyword advertising. In parole povere: le fondamentali tecniche SEO e SEM.

6. Monitorare la reputazione online

Curare la propria brand reputation è definibile come l’ossigeno del web marketing moderno: strumenti di tracciatura del sentiment verso un marchio o prodotto (Tweetreach, Mention, My Reputation fino alle più complesse applicazioni di monitoraggio approfondito) è essenziale per procedere correttamente sul proprio piano di comunicazione web.

7. Analizzare i dati… E farne tesoro

Nessuno è perfetto. Credere di aver creato a priori la strategia di web marketing più completa ed efficace possibile è probabile, ma non è mai certo. Servono idee coraggiose, coordinamento dei mezzi a disposizione, qualità dei contenuti e capacità di saper correggere i possibili errori. Ecco perchè l’analisi dei dati (che siano gli Insights di Facebook, i report online del proprio account Twitter o i grafici di Google Analytics fa lo stesso) è fondamentale per capire i punti di forza e debolezza nel lavoro svolto.

L’importante è sempre intuire cosa sta funzionando meglio.

Credi che una strategia efficace conosca altri fattori importanti da considerare? Aggiungeresti qualcosa al “Bi e il Ba” del web marketer perfetto?

Sex Cam Cam Sex Live
Shares