SEO

Come fa Google a sapere tutto? Ecco spiegato come classifica notizie, video e immagini

2 Mins read
come-fa-google-a-sapere-tutto

Gary Illyes, Webmaster Trends Analyst di Google, ha descritto nell’ultimo podcast come Google classifica le caratteristiche o i risultati universali nell’interfaccia utente complessiva dei risultati di ricerca di Google.

In breve, ogni caratteristica (cioè notizie, video, immagini, featured snippets, ecc) fa un’offerta per una posizione desiderata nel risultato, richiedono la “posizione X” e fanno un’offerta per essa. Il motore di ricerca generale di Google che decide dove deve andare in base a diversi fattori.

Mi piace come John Mueller ha riassunto la descrizione di Gary nel podcast. John ha detto “è quasi come se tutti questi diversi indici, o tipi di contenuti avessero il proprio motore di ricerca e fondamentalmente, stanno dicendo, come il mio risultato è davvero rilevante, o più o meno rilevante. E poi, c’è come un super motore di ricerca in cima a tutti questi motori di ricerca che li mescola tutti insieme?” Gary ha risposto: “tecnicamente, sì”.

google_fattori_di_ranking

In breve, Google assegna dei punteggi ad ogni risultato nel suo indice. Poi può passare i punteggi ai singoli indici verticali. Così i punteggi dei risultati delle immagini vanno all’indice delle immagini, i punteggi dei risultati dei video vanno all’indice dei video, e così via. Poi Google permette alle caratteristiche o ai motori di ricerca verticali di richiedere una posizione desiderata facendo un’offerta sulla posizione desiderata come un’asta.

 

Gli indici o caratteristiche verticali di Google

Di nuovo, è fondamentale capire che Google non sta classificando i singoli risultati (cioè una specifica immagine o uno specifico video e così via) con questo, ma piuttosto sta decidendo se un carosello di immagini o un box di storie in alto o un elenco di video deve essere visualizzato nei risultati web principali.

Questi indici o caratteristiche verticali possono “anche dire che non voglio la seconda posizione, o la terza, o la quarta, o così via. Voglio solo la prima posizione”, ha spiegato Gary. Alcuni possono richiedere posizioni specifiche, Gary ha detto “abbiamo posizioni preferite per alcune cose come, per esempio, i risultati video”. Le ricerche correlate spesso richiedono il fondo della pagina, come ulteriore esempio.

Poi John ha chiesto a Gary come fa Google a decidere quando mostrare quale indice nei risultati di ricerca. E Gary ha detto che i clic possono aiutare Google a deciderlo. John ha chiesto “come riconosce se dobbiamo mostrare immagini o video? O c’è altro? O è solo specifico della ricerca video?”.

Gary ha detto “lo impariamo”. Come fa Google ad impararlo? In base a ciò che gli utenti vogliono e cliccano. Gary ha detto “così, come quando si cerca qualcosa, qualcosa che normalmente non ha immagini o video, e si tocca la scheda delle immagini nella pagina dei risultati.

Quindi, stai essenzialmente insegnando a Google che c’era questa persona casuale che voleva delle immagini per questa particolare query. E se ci sono abbastanza utenti che lo fanno, allora si sta essenzialmente insegnando a Google che, quella query potrebbe meritare immagini, o video, o qualsiasi altra cosa”.

Google I/O 2021, information retrieval, and more!

 

 

Ti é piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle per votare!

Voto medio 5 / 5. Totale voti: 1

Nessun parere. Inserisci Tu il primo voto!

Articoli correlati
SEO

Strategie per aumentare il traffico sul proprio sito senza la SEO

Molti di noi sanno che ricorrere alla SEO (Search Engine Optimization) può rivelarsi un’ottima maniera di generare traffico per un sito web….
SEO

SEO VINTAGE: Quando per farsi trovare si faceva di tutto e di più

photo credit: James Cridland via photopin cc   Che nostalgia controversa per gli anni ’90… Per chi come me è nato a…
SEO

Il Barnacle SEO: cosa è ed a cosa serve

Ultimamente si fa riferimento ad un termine di web marketing detto “Barnacle SEO”. Ma che cosa è esattamente il Barnacle SEO ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tweet
Share
Share
Pin